Google AdWords per B&B e Affittacamere | EcommerceAgency.it

Google AdWords per Bed and Breakfast e Affittacamere

In questo post trovi una GUIDA COMPLETA e aggiornata per l’impiego dello strumento Google Adwords per B&B bed and breakfast e affittacamere in Italia. Con un focus specifico su come disintermediarti dalle OT.A. online travel agency grazie a Google Adwords.

Questo post non è valido per tutti: consiglio questo blog-post in particolare per b&b, affittacamere e guesthouse con almeno 3 camere.

Partiamo da un’esperienza di acquisto.

Se i tuoi potenziali vogliono prenotare una vacanza, ad esempio in Sardegna, che azioni compiono? A seconda del target-cliente questo effettuerà una ricerca su Google o andrà direttamente su Booking.com (o su un’altra O.T.A. o su un comparatore di prezzi come Trivago).

Ma sai che oggi sempre più utenti di Booking.com vanno su Google o su Facebook per contattare direttamente il bed and breakfast o l’affittacamere che hanno trovato altrove? Qui entra in gioco Google Adwords come POTENTE ALLEATO della tua struttura ricettiva.

 

>> Non hai mai usato Google Adwords e vorresti iniziare ad impiegarlo? Inizia subito con il nostro Corso Google Adwords introduttivo per principianti 100% GRATUITO (nessuna email richiesta e nessun costo nascosto).

 

Quando gli utenti vanno su Facebook cercheranno l’esatto brand name che hanno trovato su Booking (spesso facendo copia e incolla), per questa ragione ASSICURATI di essere sempre coerente, avendo lo stesso nome aziendale su tutte le O.T.A., sui social e sul tuo sito web. Cosi non creerai confusione ai tuoi potenziali clienti.

Allo stesso modo su Google, gli utenti (potenziali clienti) incolleranno sulla barra di ricerca di Google il nome del tuo B&B o affittacamere. In questa fase che risultati avranno?

Prova a dirmelo tu:

  1. Apri una nuova finestra nel browser,
  2. vai su Google e digita il nome della tua attività.

Se sei presente su Booking.com o su altre O.T.A. online travel agency, al 99% troverai un annuncio Google Adwords per rete di ricerca pagato da Booking.com per intercettare proprio quegli utenti che tentano di DISINTERMEDIARE andando a contattare direttamente l’attività. Facendo cosi perdere potenziali profitti a Booking, Expedia e colleghi.

 

>> Questo blog-post ti sta piacendo? Allora troverai super interessante anche quest’altro: I 3 errori di web marketing più diffusi tra Bed and breakfast e affittacamere dove puoi leggere gli errori più frequenti e come risolverli.

 

Qui entra in gioco GOOGLE ADWORDS. Ed entrano in gioco le campagne Google Adwords per la protezione del brand. Si tratta di campagne principalmente su rete di ricerca che mirano a farti trovare primo, o tra i primi risultati, con un annuncio a pagamento.

 

 

Se la tua attività ha un sito web o una pagina social con un’ottimizzazione S.E.O. almeno sufficiente, sarai quasi sicuramente primo o in prima pagina tra i risultati organici (gratuiti) su Google. Ma potresti avere prima di te un annuncio sponsorizzato di un tuo concorrente o di un’O.T.A..

Si anche di un tuo concorrente, hai letto bene. Infatti un tuo concorrente può INTERCETTARE i tuoi potenziali clienti con proposte allettanti e in target che mirino a far preferire la sua struttura. Anche per questa ragione ti consiglio vivamente di valutare l’impiego di Google Adwords a protezione del tuo brand.

 

Come proteggere il tuo brand name su Google (su Bing o su altri motori di ricerca)?

Partendo da questi step su Google Adwords:

  1. Effettua 2-3 ricerche test su Google usando queste combinazioni di parole chiave “nome della tu attività”, “nome della tua attività comune/città”, “nome della tua attività telefono”, “nome della tua attività contatti” (possibilmente in incognito o con un browser dove hai cancellato i cookies);
  2. Verifica e annota i risultati che hai ottenuto sia in organico (gratuiti) nella prima pagina di Google, sia a pagamento quindi gli annunci sponsorizzati che trovi nella parte superiore e nella parte inferiore della pagina;
  3. Hai individuato i tuoi competitors (concorrenti) su queste combinazioni di parole chiave;
  4. Apri un account su Google Adwords (se non sai come fare, qui trovo il nostro video Corso Google Adwords Introduttivo 100% Gratuito);
  5. Crea la tua prima campagna su Google Adwords;
  6. Indica le combinazioni di parole chiave sopra indicate (al punto 1);
  7. Crea 3-4 annunci accattivanti, non banali e sinceri – se puoi evidenzia 1 o 2 benefici immediati per chi prenota direttamente da te (disintermediazione);
  8. Inizia con un test-budget giornaliero di €5 al giorno = 150€ circa al mese e un C.P.C. costo per click massimo di €1,5, passati i primi 10 giorni di test potrai valutare (dati alla mano) se risulta necessario aumentare o diminuire il budget giornaliero e il C.P.C. costo per click impostati inizialmente;
  9. Cura nel dettaglio la tua LANDING PAGE (pagina di atterraggio per chi clicca sull’inserzione), definisci un obiettivo di conversione e una call to action, rendi la pagina intuitiva da navigare da tutti i dispostitivi (in particolare da mobile) – possibilmente evita di usare la classica homepage ma crea una pagina specifica;
  10. Monitora con costanza la tua campagna, ma soprattutto misura online e offline i risultati ottenuti intervistando i clienti che prenotano (dopo che hai chiuso la vendita) e tramite sistemi online di tracciamento delle conversioni come Google Analytics o i booking engine.

 

>> Vuoi leggere questo articolo con più calma, magari sul tuo tablet o sul cellulare? Scarica adesso questo blog-post in PDF gratuitamente (nessuna email richiesta).

 

Ora, seguendo questo tutorial, hai attivato la tua prima campagna a protezione del tuo brand name che ti permetterà di intercettare i potenziali clienti

Puoi fermarti qui e accontentarti, magari perchè non vuoi investire altro budget, oppure puoi proseguire la lettura in questo viaggio tra le opportunità di Google Adwords per il tuo B&B.

Google Adwords ha altri formati e canali pubblicitari utili per la tua attività.

Google Adwords RETE DISPLAY per Bed and Breakfast e affittacamere

Possiamo proseguire con gli annunci per la rete diplay, annunci testuali e illustrati. Cosa ti permettono di fare questi annunci? Ti permettono di comparire su tutti quei siti web, blog e forum che ospitano gli spazi pubblicitari Google Adsense per ottenerne un profitto.

Se ti stai chiedendo “si, ma puoi fare un esempio pratico?”. Eccoti di seguito un screenshot d’esempio:

Screenshot tratto dal sito web CosafareaRoma.it

Questi annunci hanno solitamente un C.P.C. inferiore rispetto alla rete di ricerca, e possono andare ad intercettare sia un pubblico-target con domanda consapevole, sia con domanda latente sia disinteressato totalmente. Il maggiore o minore risultato di questo genere di campagne dipende dal lavoro che viene fatto sull’annuncio: per i contenuti scelti, per le parole chiave selezionate, per la configurazione approfondita dell’annuncio (esclusione o preferenza per determinati siti web, esclusione e limitazione delle parole chiave).

 

Remarketing e retargeting con Google Adwords per B&B e affittacamere

Ci sarebbero altri formati e canali pubblicitari (Gmail, YouTube, …), ma in questo post ho voluto selezionare quelli che dalla mia esperienza ritengo più utili per la tua attività.

Che cosa si intende per remarketing? Il remarketing aiuta a raggiungere gli utenti che hanno visitato il tuo sito web.

Per fare remarketing/retargeting con Google Adwords ti occorre un ingrediente fondamentale: Google Analytics. Questo potente strumento ti permette, una volta collegato al tuo sito web, di tracciare gli accessi al sito web del tuo bed and breakfast o gli accessi ad una pagina specifica

Quindi il primo passo è accedere a Google Analytics è installarlo tramite codice o tramite plugin. L’installazione è simile qualsiasi sia il software con il quale è stato creato il sito web della tua attività ricettiva.

Proseguendo collega il tuo account Google Analytics al tuo account Google Adwords.

In questo modo le due piattaforme potrenno comunicare e scambiarsi i dati. Ora su Google Adwords puoi andare a orientare i tuoi annunci verso chi ha già visitato il tuo sito web, quindi verso chi già ti conosce. Si tratterà di un pubblico “più caldo” rispetto al primo accesso.

Le campagne Google Adwords in remarketing/retargeting potrebbero sembrarti più costose, ma valuta sempre il R.O.I. ritorno dell’investimento incrociando l’investimento con i risultati ottenuti in termini di camere vendute + eventuali servizi accessori.

Per maggiore chiarezza qui ti riepilogo questo ultimo punto:

  1. Apro un account Google Analytics;
  2. Installo Google Analytics sul mio sito web tramite codice o tramite un plugin;
  3. Avvio il tracciamento degli accessi sul sito web;
  4. Creo un account su Google Adwords;
  5. Collego gli account Google Analytics + Adwords;
  6. Configuro il remarketing/retargeting come target su Google Adwords;
  7. Creo la mia campagna e i miei annunci su Google Adwords destinati a questo pubblico;
  8. Monitoro i risultati ottenuti, migliorando di continuo i miei annunci Google Adwords.

>> Se hai un B&B o un affittacamere da promuovere online: salva questo blog tra i preferiti e non perdere i miei prossimi post – iscriviti alla lista riservata per ricevere i prossimi post e segui la pagina Facebook della mia azienda.

Ti aspetto al prossimo post.

Lascia un commento

Contattaci

Servizio Clienti con risposta garantita entro 12 ore lavorative

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Hai un Bed and Breakfast o un Affittacamere? Ecco i 3 Errori di Web Marketing Più Diffusi